Medidata Logo Medidata Logo
Medidata Logo
Placeholder

22.07.2021

Il campione del digitale tra gli studi di fisioterapia

PlenaVita a Bülach aspira a essere lo studio di fisioterapia più moderno della Svizzera. E questo cosa c’entra con MediData? C’entra moltissimo! Maggiori informazioni in questo articolo.

Il centro PlenaVita di Bülach è sinonimo di fisioterapia all’avanguardia. Il nome deriva dal latino e significa «vita piena». Ed è proprio così che si presenta: pulsante di vita sui suoi circa 550 metri quadrati. I terapisti lavorano con pazienti in riabilitazione, nel vasto parco di attrezzature, donne e uomini di ogni età richiedono maggiore mobilità al proprio corpo, mentre altri si allenano per mantenersi in forma, il tutto in un’atmosfera sorprendentemente familiare. 

Dopo 30 anni di successi sotto il nome di «Physioteam Fischer», Ralf Senn e Bert Eichler hanno rilevato lo studio di Christa Fischer, ribattezzandolo PlenaVita – con la ferma intenzione di farne lo studio di fisioterapia più moderno della Svizzera

Attrezzature modernissime e di qualità accuratamente selezionate, ambienti luminosi e accoglienti con vista sul verde e un concetto gestionale all’avanguardia sono gli ingredienti del successo. Lo studio lavora infatti in misura sempre maggiore anche con persone sane. I confini tra studio di fisioterapia tradizionale e centro fitness sono divenuti fluidi. 

Ma per Ralf Senn vi è anche un altro aspetto che concorre a farne lo studio di fisioterapia più all’avanguardia della Svizzera: la digitalizzazione dei processi aziendali. Spiega: «Proponendo programmi terapeutici innovativi, intendiamo lavorare con spirito innovativo anche in ambito amministrativo. Abbiamo digitalizzato completamente tutti i processi, aggiornandoli regolarmente e in modo coerente in modo da operare con le migliori soluzioni elettroniche. I nostri obiettivi dichiarati sono poter lavorare anche in questo campo in modo eccellente, consentendo al nostro team di terapisti di risparmiare tempo, a diretto beneficio dei nostri pazienti.»

Già da alcuni anni il software dello studio è stato sostituito con un sistema decisamente più potente, di cui Ralf Senn è entusiasta: «Cenplex offre moltissime funzioni, è una soluzione tutta d’un pezzo e convince per l’elevata usabilità.» 

Per Ralf Senn va da sé che le fatturazioni delle prestazioni vengano trasmesse agli assuntori dei costi elettronicamente. Il partner in questo senso è MediData, inizialmente con il prodotto MediPort.

Quando è stata introdotta la nuova Rete MediData, PlenaVita non ha esitato ad adottarla  con determinazione. Il passaggio si è svolto rapidamente e senza intoppi, grazie anche al fattivo supporto del partner del software Cenplex: «Il nostro fornitore di software e gli specialisti di MediData si sono messi subito al lavoro. Gli adattamenti delle interfacce richiesti dalla Rete MediData sono stati davvero minimi. Il tutto è stato implementato in tempi brevissimi tramite il servizio cloud e da allora funziona con nostra piena soddisfazione.»

Oltre alla modernizzazione generale, quel che Ralf Senn apprezza particolarmente della nuova Rete MediData è la garanzia di pagamento elettronica: soprattutto per i pazienti in riabilitazione, infatti, è importantissimo ottenere al più presto dall’assuntore dei costi la conferma che è disposto a sostenere i costi della terapia su misura proposta. 

Grazie ai prodotti MediData, PlenaVita – in combinazione con il software Cenplex – è riuscito a conseguire l’auspicato incremento dell’efficienza nell’amministrazione. Ralf Senn afferma al riguardo: «Lo scambio digitale con gli assicuratori malattia è un gradito vantaggio. Grazie all’uso intuitivo della Rete MediData, tutte le garanzie di pagamento elettroniche e tutte le fatturazioni delle prestazioni possono essere gestite dalla nostra segreteria con la massima efficienza. Altro fatto importantissimo è che abbiamo sempre sott’occhio in tempi rapidissimi ogni singolo scambio di dati e informazioni con gli assuntori dei costi e altri partner. Questa trasparenza assoluta è un qualcosa che apprezziamo moltissimo.»